AID Italia - La risposta alle tue domande sulla dislessia

Aid sezione di

Lecce

La decisione del Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) di Lecce

Studente con DSA riammesso alla maturità dopo ricorso

Studente con DSA riammesso alla maturità dopo ricorso

Il TAR di Lecce ha stabilito di far accedere all'Esame di Stato uno studente con DSA che non era stato ammesso dalla scuola, un Istituto Superiore della provincia di Brindisi.

La decisione del tribunale segue il ricorso presentato dalla famiglia dell'alunno, che ha scelto di affidarsi all’avvocato Luigi Renna, consulente legale di AID.

Nel giro di pochissimi giorni il Tribunale Amministrativo ha accolto il ricorso in via cautelare: in mattinata il ragazzo ha sostenuto la prima prova. Nel decreto di sospensiva il TAR parla di “estrema gravità ed urgenza della situazione, tale da non consentire la dilatazione fino alla data della camera di consiglio”.

La famiglia, dopo aver presentato la documentazione con relativa diagnosi dello studente, ha poi concordato un Piano Didattico Personalizzato (così come previsto dalla Legge) e sottoscritto congiuntamente al corpo docente. Laddove le misure pianificate però non dovessero risultare idonee al raggiungimento degli obiettivi scolastici prefissati, il piano didattico può e deve essere rivisto.

Ed è proprio a questo che si è appellata la famiglia. Nel ricorso redatto dall’avvocato Renna si legge che “La scuola ha inviato sì un sms alla famiglia per manifestare riserve sull’andamento scolastico, ma non ha mai adottato una misura alternativa tale da superare le criticità riscontrate. Le comunicazioni ai genitori si sono poi interrotte alla soglia del I quadrimestre - si legge ancora - peccando di quel monitoraggio costante che la norma in casi come questi impone”.

L’auspicio dell'Associazione Italiana Dislessia è che il decreto lampo del TAR possa rappresentare un monito per la tutela dei diritti degli studenti con Disturbi Specifici dell'Apprendimento, partendo sempre dal presupposto che la reale applicazione di tali tutele nasce solo da una collaborazione attiva e reciproca fra scuola e famiglia.

Condividi
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, continua con la lettura. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. AUTORIZZO.